CONDIVIDI
 
Sottolineatura

Meringhe alla panna

Sottolineatura
CONDIVIDI
 

Scopri ingredienti e consigli per creare questo dolce classico per la festa della mamma

Disegno intro
Difficoltà
Media
Tempo di preparazione
16 min
Tempo di cottura
60 min
Porzioni
8
Utensili
PLANETARIA O SBATTITORE ELETTRICO, SAC-À-POCHE
Meringhe con panna montata

Ingredienti

  • 360 gr di zucchero a velo
  • 120 gr di albumi (a temperatura ambiente)
  • Sale q.b.
  • 500 ml di panna fresca Alberti
  • ½ bustina di vanillina
  • 80 gr di zucchero
  • Cacao in polvere q.b.
 
Albi
Fumetto

Cercate di fare le meringhe tutte uguali, cosicché possano cuocere uniformemente! Per verificare la cottura dovrete provarne una: se l’interno è ancora troppo molle continuate la cottura!

 
Per le meringhe
  • Porre nel congelatore un recipiente e le fruste con cui verrà montata la panna e lasciare raffreddare.
  • Separare i tuorli dagli albumi, versando questi ultimi nella ciotola della planetaria.
  • Aggiungere un pizzico di sale.
  • Azionare le fruste a velocità media aggiungendo lo zucchero a velo poco per volta.
  • Montare gli albumi a neve molto ferma.
  • Rivestire una teglia di carta da forno.
  • Trasferire il composto in una sac-à-poche con bocchetta liscia formando tanti piccoli mucchietti di un diametro di circa 5-6 centimetri.
  • Cuocere le meringhe in forno preriscaldato a 80° per circa 60 minuti, mantenendo lo sportello del forno socchiuso.
  • A cottura ultimata farle raffreddare completamente prima di staccarle dalla leccarda.

 

 

Per la panna
  • Estrarre dal congelatore la ciotola fredda.
  • Versare la panna e aggiungere lo zucchero e la vanillina.
  • Montare il composto per circa 3-4 minuti, fino ad ottenere un risultato ben fermo e sodo.
  • Disporre le meringhe su di un piatto da portata e guarnire mettendo su ognuna un ciuffo di panna montata e una spolverata di cacao in polvere.
 

Spunti creativi!

In alternativa al cacao in polvere, potete impreziosire le vostre meringhe con le vostre spezie preferite come la cannella o l’anice.

Dicci la tua!

Hai provato la ricetta e vorresti darci qualche spunto per migliorarla?

Non esitare a scriverci i tuoi commenti o ad inviarci la tua versione personalizzata. Ci aiuterai a sviluppare questa nuova sezione pensata per chi come te ama la cucina gustosa e genuina.